Giornata internazionale contro l'Epilessia 

14 FEBBRAIO 2022

Data di pubblicazione:
11 Febbraio 2022
Giornata internazionale contro l'Epilessia 

L’Associazione Marchigiana per la lotta contro l’Epilessia (AMCE), insieme alla Coordinatrice LICE per la REGIONE MARCHE Dott.ssa Nicoletta Foschi Epilettologa Responsabile del Centro Epilessia della Clinica Neurologica presso gli Ospedali Riuniti di Torrette ad Ancona, ringrazia il Vostro Comune per aver aderito alla Giornata internazionale contro l'Epilessia del 14 FEBBRAIO prossimo. L'iniziativa è volta a sensibilizzare la popolazione sui pregiudizi e sullo stigma ancora presenti riguardo a questa malattia nonostante i progressi scientifici e sociali.

L’Epilessia è una problematica neurologica con coinvolgimento sociale e psicologico, che riguarda l’1% della popolazione nel mondo senza differenze nel sesso ed etnia.

I principali pregiudizi sono legati all'idea che si tratti di una malattia mentale e che sia sempre trasmessa geneticamente.

I soggetti affetti vengono discriminati, considerati inferiori e da evitare per via delle crisi. Ne risultano isolamento sociale, minori livelli occupazionali, difficoltà nei rapporti sentimentali. Per tali motivi c’è la tendenza a nascondere la malattia con conseguente minore possibilità di cura e di guarigione, oltre a sviluppare psicopatologie di tipo depressiv

L’Associazione Marchigiana per la lotta contro l’Epilessia (AMCE), insieme alla Coordinatrice LICE per la REGIONE MARCHE Dott.ssa Nicoletta Foschi Epilettologa Responsabile del Centro Epilessia della Clinica Neurologica presso gli Ospedali Riuniti di Torrette ad Ancona, ringrazia il Vostro Comune per aver aderito alla Giornata internazionale contro l'Epilessia del 14 FEBBRAIO prossimo. L'iniziativa è volta a sensibilizzare la popolazione sui pregiudizi e sullo stigma ancora presenti riguardo a questa malattia nonostante i progressi scientifici e sociali.

L’Epilessia è una problematica neurologica con coinvolgimento sociale e psicologico, che riguarda l’1% della popolazione nel mondo senza differenze nel sesso ed etnia.

I principali pregiudizi sono legati all'idea che si tratti di una malattia mentale e che sia sempre trasmessa geneticamente.

I soggetti affetti vengono discriminati, considerati inferiori e da evitare per via delle crisi. Ne risultano isolamento sociale, minori livelli occupazionali, difficoltà nei rapporti sentimentali. Per tali motivi c’è la tendenza a nascondere la malattia con conseguente minore possibilità di cura e di guarigione, oltre a sviluppare psicopatologie di tipo depressivo ed ansioso.

L’AMCE, inserita nella FIE nazionale (Federazione Italiana Epilessia), svolge il ruolo di assistenza, counselling individuale e promozione di eventi sociali e scientifici per combattere gli ostacoli che impediscono ai pazienti di essere pienamente inseriti nella società. Essa è costituita da pazienti, medici, operatori sanitari e cittadini che si sentono vicini a questo problema. Per informazioni e contatti: pagina Facebook: www.facebook.com/AMCEPILESSIA; email: amcepil@gmail.com cell 3881642227. Per le patologie di competenza pediatrica rivolgersi alla FANPIA onlus - sito internet: http://fanpia.com/ email: info@fanpia.com e contatto  333.3561421 - Guidi Barbara.

o ed ansioso.

L’AMCE, inserita nella FIE nazionale (Federazione Italiana Epilessia), svolge il ruolo di assistenza, counselling individuale e promozione di eventi sociali e scientifici per combattere gli ostacoli che impediscono ai pazienti di essere pienamente inseriti nella società. Essa è costituita da pazienti, medici, operatori sanitari e cittadini che si sentono vicini a questo problema. Per informazioni e contatti: pagina Facebook: www.facebook.com/AMCEPILESSIA; email: amcepil@gmail.com cell 3881642227. Per le patologie di competenza pediatrica rivolgersi alla FANPIA onlus - sito internet: http://fanpia.com/ email: info@fanpia.com e contatto  333.3561421 - Guidi Barbara.

Ultimo aggiornamento

Giovedi 28 Aprile 2022